Impianti fotovoltaici a partire da 10 kW

Un impianto fotovoltaico a partire da 10 kw risponde alle esigenze di piccole imprese, piccoli capannoni aziendali, edifici condominiali, ecc.

Un impianto da 10 kW di potenza può garantire mediamente nel sud Italia una produzione di energia di circa 15 mila kWh l’anno, trattandosi di media annuale, l'impianto produrrà soprattutto nella stagione estiva, per impianti più grandi basta fare una proporzione. E' importante tener presente che gli impianti fotovoltaici convengono nella misura in cui si riesce ad consumare l’energia autoprodotta.

Un impianto fotovoltaico da 10 kw produce mediamente nel sud Italia: 15 mila kwh/anno, più di 300 mila kwh durante tutta la durata di vita dell’impianto, una quantità di energia facilmente autoconsumata dalle piccole aziende anche senza sistemi di accumulo.

La superficie occupata su tetto a falda correttamente orientato è di circa 70 metri quadrati, nel caso di tetti piani vanno considerate eventuali ombre dei parapetti ed il costo aggiuntivo della struttura di sostegno e di uno spazio maggiore.

I costi possono variare in modo sostanziale, un impianto di 10 kW può realisticamente costare intorno ai 12 mila euro + iva “chiavi in mano”. Ovviamente il prezzo è sempre relativo e varia a secondo della qualità dei moduli, dell’inverter e del servizio di installazione offerto. Ad esempio, un costo aggiuntivo può essere la necessità di accedere sul tetto con l’utilizzo di un carrello elevatore.

I pannelli fotovoltaici usufruiscono delle detrazioni fiscali del 50% su ristrutturazioni per uso domestico.

Per gli impianti aziendali c’è la possibilità di portare in ammortamento l’impianto come “bene strumentale all’attività”.

Il risparmio sarà proporzionato al costo pagato per l'acquisto di energia elettrica che varia da 0,25 a 0,28 €/kwh pertanto per ogni kwh autoprodotto ed autoconsumato, un utente risparmia in bolletta circa 25-28 centesimi.

Visto che nel sud Italia un impianto da 10 kw produce in media 15 mila kwh/anno, il risparmio in bolletta sarà di circa 4.000 euro l’anno, risparmio ottenuto se si riesce ad autoconsumare tutta l'energia prodotta.

Utilizzando lo Scambio sul Posto per l'energia non consumata la rete paga l’energia immessa in rete dall’utente-produttore ad un prezzo molto più basso di quella potenzialmente risparmiabile.